Archivio di Giugno 2009

Erich Maria Remarque - Tempo di vivere, tempo di morire

Venerdì 26 Giugno 2009

Arnoldo Mondadori Editore
Gli Oscar 89
Traduzione di Ervino Pocar
edizione integrale
1^ edizione Gli Oscar gennaio 1967

€ 20

Giuseppe Fiori - Vita di Antonio Gramsci

Venerdì 26 Giugno 2009

Editori Laterza
Universale Laterza 39
1^ edizione 1966

€ 30

Paul Verlaine - Sagesse - Liturgies intimes

Venerdì 26 Giugno 2009

Editions De Cluny a Paris
“Bibliothèque Classique De Cluny” dirigée par Madame Géraud De Brion - Volume 31
Texte établi et annoté par Yves-Gérerd Le Dantec
volume rilegato in tela con scritte in oro
1^ 1941

€ 50

Aleksandr Solgenitsin - Divisione cancro - (2 voll.)

Venerdì 26 Giugno 2009

Garzanti
Traduzione dal russo di Maria Olsoufieva
1^ edizione nella collezione I Garzanti - I Grandi Libri: marzo 1974

€ 50

Pier Paolo Pasolini - Trasumanar e organizzar

Venerdì 26 Giugno 2009

Garzanti Editore 1971
con una foto di Pier Paolo Pasolini di Deborah Beer
1^ edizione nella collezione I Garzanti - I Grandi Libri: gennaio1976

€ 20

Max Frisch - Homo Faber. Resoconto

Venerdì 26 Giugno 2009

Garzanti
Traduzione dal tedesco di Aloisio Rendi
1^ edizione nella collezione “I Garzanti”: agosto 1972

€ 25

Peter Handke

Lunedì 15 Giugno 2009

“Quello che voglio scrivere: non lo devo dire
Peter Handke

Ludwig Wittgenstein

Lunedì 15 Giugno 2009

“Il non dicibile”: “Si manifesta”
Ludwig Wittgenstein

Peter Handke

Lunedì 15 Giugno 2009

“Per scrivere, devo prima essere io stesso una forma, ossia: una forma deve accostarsi alla forma
Peter Handke

Peter Handke

Lunedì 15 Giugno 2009

“I filosofi dovrebbero avere il parlare, e i poeti lo scrivere
Peter Handke

Peter Handke

Lunedì 15 Giugno 2009

“Uno scrittore dovrebbe anche scrivere come un buon parlatore
Peter Handke

Gianni Celati

Lunedì 8 Giugno 2009

“L’intuizione immaginativa non nasce da programmi, ma per irradiazioni intensive nel pulviscolo dei momenti; perciò bisogna disimpegnare il pensiero, liberarlo dalla gogna dell’espressione, dare spazio ai punti in cui le corazze di se stessi lasciano passare un po’ d’aria, per distrazione dal mondo.”
Gianni Celati

Antonio Delfini

Lunedì 8 Giugno 2009

“Ci si lamenta che il linguaggio è difettoso, incompleto per le espressioni. Ed è così. Ma per avvicinarsi alla perfezione dell’espressione non sarà dunque necessario trovare a ogni tentativo di espressione quell’equivalente segno che significhi ciò che si vuol dire. Ciò facendo ci si allontanerebbe sempre più dallo scopo, poichè ne deriverebbe confusione, essendo ogni segno (le parole) diverso da ciò che si vuol dire.”
Antonio Delfini